+39 0444 042110 info@studiocru.it
I VINI DEI COLLI BERICI FESTEGGIANO I DIECI ANNI DI GUSTUS

I VINI DEI COLLI BERICI FESTEGGIANO I DIECI ANNI DI GUSTUS

Banchi d’assaggio, degustazioni e incontri dal 12 al 14 ottobre a Villa Rigon di Ponte di Barbarano (VI) con le etichette delle DOC Colli Berici e Vicenza e Gambellara

 

Appuntamento in villa per la decima edizione di Gustus – Vini e Sapori dei Colli Berici, che dal 12 al 14 ottobre 2019 porterà a Villa Sangiantofetti Rigon di Ponte di Barbarano (Vicenza) tre giorni di banchi d’assaggio, degustazioni guidate e convegni aperti al pubblico. Protagonisti dell’evento, organizzato dal Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza e dalla Strada dei Vini Colli Berici, saranno i vini delle DOC Colli Berici, Vicenza e Gambellara.

A raccontare l’identità vitivinicola del territorio berico saranno venticinque aziende e oltre cento etichette, che porteranno in degustazione l’autoctono Tai Rosso, i bianchi Pinot Grigio e Sauvignon e i grandi rossi a base di Cabernet, Merlot e Carménère.

“Questa edizione di Gustus – commenta Giovanni Ponchia, Direttore del Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza e del Consorzio Gambellara – sarà l’occasione per una doppia celebrazione. Festeggeremo il decimo anniversario dell’evento che ci ha permesso di far conoscere e apprezzare i nostri vini a un pubblico sempre più ampio e la creazione di un unico coordinamento con la DOC Gambellara, che per la prima volta presenterà le sue etichette e le diverse espressioni della sua varietà di elezione: la Garganega.”

I tre giorni del banco d’assaggio saranno arricchiti da una serie di appuntamenti dedicati a pubblico ed esperti. Sabato 12 ottobre sarà presentata la Guida alle eccellenze enogastronomiche vicentine realizzata dal Giornale di Vicenza, mentre domenica 13 è in programma la masterclass I Colli Berici tra i grandi del mondo condotta da Gianni Fabrizio e Nicola Frasson: i curatori della Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso confronteranno le etichette vicentine con i migliori vini rossi del mondo. La giornata di lunedì 14 ottobre sarà invece arricchita da due degustazioni tematiche dedicate alle diverse interpretazioni della Garganega e dei vitigni rossi che meglio si sono acclimatati nel territorio vicentino.

Ristoratori e produttori associati alla Strada dei Vini Colli Berici porteranno inoltre in degustazione alcuni piatti tipici del territorio per accompagnare i calici.

Il banco d’assaggio sarà aperto al pubblico dalle 17.00 alle 22.00 di sabato 12 e dalle 16.00 alle 20.00 nei giorni di domenica 13 e lunedì 14 ottobre.

Il costo del biglietto, che comprende calice, coupon per degustazioni libere e un piatto di tipicità gastronomiche, è di € 20 per l’intero e di € 15 per il ridotto. L’ingresso ridotto è riservato a tutti coloro che acquisteranno il biglietto online e per i Soci Ais, Onav, Fis, Slow Food, Fisar, Ristoranti Che Passione. Il biglietto non comprende la degustazione di domenica 13 ottobre, acquistabile a parte al costo di € 30.
Tutte le informazioni su www.gustus.stradavinicolliberici.it

 

INFO IN BREVE | Gustus – Vini e Sapori dei Colli Berici 2019
Quando: sabato 12, domenica 13 e lunedì 14 ottobre 2019
Dove: Villa Sangiantofetti Rigon di Ponte di Barbarano (Vicenza)
Orari: sabato 12 ottobre 17.00 – 22.00, domenica 13 e lunedì 14 ottobre 16.00 – 20.00
Biglietti: € 20 per l’intero e di € 15 per il ridotto, riservato a tutti coloro che acquisteranno il biglietto in prevendita online e per i Soci Ais, Onav, Fis, Slow Food, Fisar, Ristoranti Che Passione. Il biglietto non comprende la degustazione di domenica 13 ottobre, acquistabile a parte al costo di € 30.
Info: www.gustus.stradavinicolliberici.it

 

Press info:
Carlotta Flores Faccio
Michele Bertuzzo

CALICI DI STELLE: MONTE ZOVO CELEBRA LO SBARCO SULLA LUNA

CALICI DI STELLE: MONTE ZOVO CELEBRA LO SBARCO SULLA LUNA

Venerdì 2 agosto l’Azienda Agricola di Caprino Veronese organizza una serata in cantina tra calici e telescopi, ricordando i 50 anni dallo sbarco sulla Luna

Una passeggiata impressa nella storia, quella di Neil Armstrong sul satellite terrestre il 20 luglio 1969. Venerdì 2 agosto dalle ore 20.00 l’Azienda Agricola Monte Zovo celebrerà il cinquantesimo anniversario dello sbarco sulla Luna con un evento in cantina che coniugherà sapori e astronomia. La manifestazione rientra nella rassegna Calici di Stelle ideata dal Movimento Turismo Vino, che per la notte di San Lorenzo promuove centinaia di appuntamenti in tutta Italia in una formula che unisce la filosofia del buon bere al mondo dell’arte e della cultura. Il 2 agosto i presenti potranno degustare una selezione di vini Monte Zovo in abbinamento a burgers gourmet scelti e preparati da Oblò Comfort Food Verona. Tra un assaggio e l’altro, si potranno visitare i diversi locali della cantina in un’inedita veste ‘astrale’, pensata e allestita dall’associazione scientifico-culturale EmpiricaMente. Dalla terrazza affacciata sull’anfiteatro morenico che circonda la tenuta Monte Zovo, si potranno osservare al telescopio Giove e Saturno. In barricaia, invece, si potrà ammirare la volta celeste grazie al planetario Discovery. Il tutto sotto la guida di esperti astrofili che accompagneranno il pubblico in un vero e proprio viaggio dalle vigne allo spazio. Anche il dress code della serata sarà a tema lunare, con la richiesta di indossare un abito o un accessorio di color argento.

INFO IN BREVE | Calici di stelle
Quando: venerdì 2 agosto 2019, anche in caso di maltempo
Dove: Azienda Agricola Monte Zovo, località Zovo, 23, Caprino Veronese (VR)
Orario: ingresso previsto dalle 20.00 alle 20.30, chiusura alle 23.30. I burgers verranno serviti dalle 20.30 alle 22.00
Ingresso: il costo del biglietto è di 30 euro, comprensivo di due burgers gourmet, due calici di vino, itinerario allestito a tema per la serata e proiezione a semisfera nel planetario Discovery di circa 30 minuti. Acquistando il biglietto su Eventbrite entro il 26 luglio il costo è di 25 euro
Bambini: il prezzo d’ingresso per i minori di 18 anni è di 15 euro. Solo i maggiorenni hanno accesso alle degustazioni

Per info e prenotazioni: ospitalità@montezovo.com

Press info:
Elisa Rigon
Michele Bertuzzo

CALICI DI STELLE 2019: A BREGANZE SI BRINDA CON I VINI DELLA DOC

CALICI DI STELLE 2019: A BREGANZE SI BRINDA CON I VINI DELLA DOC

Appuntamento venerdì 9 agosto dalle 19.00 in Piazza Mazzini a Breganze con i vini del Consorzio, specialità gastronomiche del territorio e visite guidate alla Torre Diedo

 

Breganze brinda alla notte di San Lorenzo. Venerdì 9 agosto 2019 in Piazza Mazzini a Breganze (Vicenza) torna Calici di Stelle, la manifestazione promossa a livello nazionale dal Movimento Turismo del Vino e dall’Associazione Città del Vino e realizzata grazie alla collaborazione tra il Consorzio Tutela Vini D.O.C. Breganze, la Strada del Torcolato e dei vini D.O.C. Breganze, la Pro Loco e il Comune di Breganze. Dalle 19.00 alle 24.00 dieci aziende consortili porteranno in degustazione i loro vini, che sarà possibile accompagnare con le migliori specialità gastronomiche del territorio della pedemontana veneta.

Le cantine che parteciperanno a Calici di Stelle sono Cà Biasi, Cantina Beato Bartolomeo da Breganze, Col Dovigo, Firmino Miotti, IoMazzucato, Le Colline di Vitacchio, Le Vigne di Roberto, Maculan, Transit Farm e Vitacchio Emilio. Il pubblico potrà assaggiare i vini che meglio rappresentano la D.O.C.: sia quelli prodotti con l’autoctona uva vespaiola, nella versione ferma, spumantizzata e passita, il Torcolato, o i rossi bordolesi che ben si sono acclimatati nel territorio.

Ristoratori e associazioni locali prepareranno per tutta la serata alcuni piatti della tradizione gastronomica dell’area breganzese. Per gli appassionati di carne ci saranno il carpaccio di manzo con rucola e grana, le fettuccine e il panino con il Toresan, cartoccio di carne allo spiedo e arrosticini. Tra le specialità di pesce si potranno gustare le sarde fritte o piatti a base di Bacalà alla Vicentina, mentre per i lievitati ci saranno i crunch gourmet preparati dal Panificio Vicentini.

L’edizione 2019 di Calici di Stelle avrà come tema Il vino e la luna e celebrerà il 50° anniversario dello sbarco sulla luna avvenuto nel 1969, stesso anno in cui è nata anche la DOC Breganze.

Per tutta la serata la Piazza ospiterà musica dal vivo con canzoni dedicate alla luna, tema centrale anche dell’esposizione dell’artista Maria Grazia Martina. Saranno organizzate visite guidate alla Torre Diedo, la torre campanaria di Breganze seconda più alta del Veneto dopo il campanile di San Marco, mentre per i più piccoli è previsto intrattenimento con trucca bimbi e spettacoli di clown.

Il costo del kit per partecipare alla manifestazione è di € 10 e sarà possibile acquistarlo direttamente in Piazza Mazzini la sera di venerdì 9 agosto, a partire dalle ore 18.30. Il kit comprende calice, tracolla portabicchiere e tre assaggi di vini D.O.C Breganze. Durante la serata sarà inoltre possibile acquistare ulteriori tagliandi per continuare le degustazioni.
In caso di maltempo la serata sarà rinviata a sabato 10 agosto.

Per informazioni: Strada del Torcolato e dei Vini di Breganze (www.stradadeltorcolato.it), Piazza Mazzini, 18 – 36042 Breganze (VI) Tel. 0445-300595 Email stradadeltorcolato@gmail.com

INFO IN BREVE | Calici di Stelle 2019
Quando: Venerdì 9 agosto 2019
Dove: Piazza Mazzini a Breganze (Vicenza)
Orario: dalle 19.00 alle 24.00
Parcheggio: gratuito
Biglietto: 10€ comprensivo di bicchiere, tracolla portabicchiere e tre assaggi di vino D.O.C. Breganze. Il kit sarà acquistabile direttamente in Piazza Mazzini la sera del 9 agosto, a partire dalle ore 18.30.

Ufficio stampa:

Anna Sperotto
Carlotta Flores Faccio

ORO NELLA LEED CERTIFICATION: NUOVO TRAGUARDO PER LA PASTICCERIA FILIPPI

ORO NELLA LEED CERTIFICATION: NUOVO TRAGUARDO PER LA PASTICCERIA FILIPPI

L’azienda di Zanè (Vicenza) conquista la certificazione americana per la sostenibilità e il risparmio energetico per lo stabilimento e la produzione dolciaria

 

L’alta qualità unita alla sostenibilità. La Pasticceria Filippi di Zanè (Vicenza) ha conquistato l’oro nella LEED Certification – Leadership in Energy and Environmental Design, programma di certificazione volontario sviluppato dalla U.S. Green Building Council (USGBC), per il suo approccio ecologico nella ristrutturazione dell’edificio e nelle fasi della produzione dolciaria.

“Nella nostra Pasticceria – commenta Andrea Filippi, alla guida dell’azienda assieme al fratello Lorenzo e ai genitori – abbiamo sempre perseguito una produzione di altissima qualità, ma allo stesso tempo responsabile e sostenibile, tanto che da anni siamo certificati come B-Corporation. La ristrutturazione degli spazi messa in atto nell’ultimo anno ci ha permesso di garantire ai nostri clienti dei prodotti sempre più buoni, in tutti i sensi, e la conquista dell’oro nella LEED Certification ne è la conferma, soprattutto perchè in Italia non sono molte le aziende che possono vantare questo tipo di riconoscimento.”

Per conseguire l’attestato sono richiesti alcuni prerequisiti obbligatori e vengono poi identificati i parametri valutativi del progetto. Viene quindi assegnato un punteggio a ognuna delle macrocategorie di valutazione, che comprendono: sostenibilità del sito, gestione efficiente dell’acqua, energia e ambiente, materiali e risorse, qualità dell’aria degli ambienti interni, progettazione, innovazione e crediti regionali. Le fasce di premiazione sono quattro e si distinguono in base alla somma dei punteggi assegnati a ogni criterio: con 65 punti ottenuti, l’azienda di Zanè si colloca sul secondo gradino del podio, conquistando l’oro.

La Pasticceria Filippi ha conquistato il punteggio più alto nell’ambito dell’innovazione, grazie ad alcune strategie sostenibili all’avanguardia e in quello dei crediti regionali, per l’importanza che la scelta ecologica dell’azienda ha a livello geografico e regionale.

 

Ufficio stampa:

Anna Sperotto
Carlotta Flores Faccio

TORNA BACCO&BACALÀ: ALLA RICERCA DELL’ABBINAMENTO PERFETTO

TORNA BACCO&BACALÀ: ALLA RICERCA DELL’ABBINAMENTO PERFETTO

Il 22 settembre 5a edizione del banco d’assaggio dedicato ai vini da gustare con il celebre piatto. L’evento rientra nel programma della Festa del Bacalà

 

Domenica 22 settembre 2019 dalle 16.30 alle 21.30 nell’elegante complesso monumentale di Villa Mascotto ad Ancignano, frazione di Sandrigo (Vicenza), torna Bacco&Bacalà, il banco d’assaggio dedicato ai vini e alle birre abbinabili a piatti a base di stoccafisso. La manifestazione organizzata dalla Pro Loco di Sandrigo è realizzata in collaborazione con A.I.S. Veneto, i Ristoranti del Bacalà di Sandrigo e la Confraternita del Bacalà alla Vicentina.

A partire dal pomeriggio, il pubblico potrà degustare vini rossi, bianchi e bollicine per un totale di 120 etichette presentate da una cinquantina di produttori per lo più italiani, con alcune rappresentanze estere, affiancati nel servizio dai Sommelier A.I.S.. Anche gli amanti del luppolo troveranno ampia gratificazione grazie alla presenza di una decina di birrifici artigianali. Tra le 17.00 e le 19.30 i partecipanti saranno coinvolti in una degustazione gourmet, durante la quale saranno serviti tre diversi assaggi in abbinamento ai calici: Bacalà mantecato con crostini, polenta fritta ripiena di Bacalà alla Vicentina e risotto al Bacalà.

La quinta edizione di Bacco&Bacalà si inserisce nel più ampio programma della Festa del Bacalà organizzata dalla Pro Sandrigo. Dal 17 settembre al 6 ottobre spettacoli, degustazioni, mercatini animeranno le piazze del paese nei tre fine settimana. Tra gli stand gastronomici oltre al classico Bacalà alla vicentina, si troveranno altre proposte a base di stoccafisso, tra cui alcune novità: i ravioli di pasta fresca ripieni di Bacalà ed erbette autunnali realizzati in collaborazione con Pastificio Bassani di Monticello Conte Otto e la pizza gourmet al Bacalà, preparata dal pastificio Vicentini di Maragnole, il lievitato rivede in chiave moderna la tradizionale pietanza per conquistare così anche i palati più giovani.

Per maggiori informazioni su Bacco&Bacalà e il programma completo della Festa del Bacalà visitare il sito www.festadelbaccala.com

 

INFO IN BREVE | Bacco&Bacalà

Quando: domenica 22 settembre
Dove: Villa Mascotto, Ancignano di Sandrigo (Vicenza)
Orario: dalle 16.30 alle 21.30. Degustazione food dalle 17.00 alle 19.30
Biglietto: Il biglietto d’ingresso è acquistabile in prevendita a 16 euro o in loco a 15 euro, fino a esaurimento posti. L’entrata include il kit degustazione, l’accesso alla Villa e al Parco, gli assaggi illimitati di vino, le tre proposte gastronomiche a base di Bacalà, la degustazione libera di formaggi del territorio e l’intrattenimento. Prevista una cauzione di 2 euro per il bicchiere da pagare in loco
Sito: www.festadelbaccala.com

Press info:

Giulia Tirapelle
Anna Sperotto

BOX IN RIVIERA L’ECCELLENZA DELLA SOMMELLERIE INCONTRA IL GRILL

BOX IN RIVIERA L’ECCELLENZA DELLA SOMMELLERIE INCONTRA IL GRILL

Angelo Sabbadin è il nuovo sommelier del locale di Stra (Venezia), il quarto del gruppo Box, dove l’alta cucina si unisce alla cottura alla griglia

 

Cresce la squadra del progetto Box. Alla guida della sommellerie di Box in Riviera, il ristorante aperto lo scorso dicembre a Stra (Venezia) da Marco Benetazzo, arriva Angelo Sabbadin, già giudice al Decanter World Wine Awards (DWWA) e con numerose esperienze in ristoranti di alta cucina alle spalle.

Diplomato sommelier nel 1997 e nominato Sommelier dell’anno 2011 secondo la Guida de l’Espresso, Sabbadin si unisce alla squadra di cui fa parte anche lo chef Riccardo Maffini, con il quale ha condiviso la formazione a Le Calandre. Il sommelier padovano dirigerà la sala e la cantina del locale, che conta oltre 500 etichette selezionate negli anni dal patron di Box Marco Benetazzo. Vini spesso introvabili, con una predilezione per i territori dello Champagne e della Borgogna, che si affiancano a un’ampia scelta di etichette naturali.

Nel locale di Stra le proposte di Maffini si concentrano sulla versatilità della cottura alla griglia nell’alta cucina, presentando piatti che si fondano sul giusto equilibrio tra gusto, semplicità delle materie prime e sperimentazione negli abbinamenti. Tra le proposte del ristorante si possono trovare i migliori tagli di carne da tutto il mondo, pesce e piatti vegetariani.

Box in Riviera è l’ultimo atto del progetto iniziato nel 2006 da Marco Benetazzo con l’apertura di Box Caffè, in Prato della Valle a Padova, e che comprende anche Box Pizza e Box in Galleria, sempre in centro a Padova.

Il locale di Stra, nato dalla ristrutturazione di una villa Liberty di inizio Novecento, si caratterizza per uno stile ispirato alla Metafisica e all’arte di Giorgio De Chirico e ospita al suo interno un’esposizione di opere di artisti contemporanei, che è possibile anche acquistare.

Press info:

Anna Sperotto
Carlotta Flores Faccio

VINNATUR WORKSHOP: L’AUTOCRITICA ALLA BASE DEL BUON VINO NATURALE

VINNATUR WORKSHOP: L’AUTOCRITICA ALLA BASE DEL BUON VINO NATURALE

I temi e le cantine che si sono distinti nella tre giorni di degustazioni e confronti a Lonigo. Investire nella formazione e nella ricerca per migliorarsi in vigna e in cantina

Lo scorso maggio a Villa San Fermo di Lonigo (Vicenza) si è svolta la seconda edizione di VinNatur Workshop, che ha visto riunirsi un gruppo di lavoro composto da giornalisti italiani ed esteri, produttori, ricercatori scientifici ed enologi. Tre giorni di studio e confronto sullo stato dell’arte del vino naturale sotto il profilo produttivo e della ricezione da parte del mercato. I partecipanti sono stati coinvolti in un percorso di degustazioni alla cieca, con l’obiettivo di far emergere senza pregiudizi i punti di forza e di miglioramento di 166 vini prodotti da soci VinNatur.

I vini sono stati valutati in base ai classici parametri organolettici usati nelle degustazioni ufficiali. Il quadro che emerge è di una qualità media in ascesa rispetto agli anni precedenti, con alcune punte di eccellenza ma anche con vini che presentano ancora difetti evidenti, indice che per alcuni c’è ampio margine di miglioramento.

“Quando l’anno scorso abbiamo deciso di iniziare questa avventura – racconta Angiolino Maule, presidente di VinNatur – l’abbiamo fatto con l’intento di metterci in discussione consapevoli di avere dei limiti e di poterci migliorare. Il Workshop è stato pensato come uno strumento a disposizione dei nostri associati per comprendere gli errori e correggersi nella produzione di vini naturali. Ci teniamo a sottolineare che quello che distingue VinNatur da molte altre associazioni è la fiducia nella formazione e nella ricerca e l’umiltà di non sentirsi arrivati”.

Attorno ai tavoli di confronto gli esperti si sono confrontati su diversi temi: le sfide alla certificazione dei vini naturali, l’approccio degustativo e i progressi in vigna. È emerso come il futuro del vino è strettamente legato alla qualità e alla composizione del terreno in cui sono coltivate le vigne. Perchè solo attraverso un rispetto maggiore del terroir si può ottenere un prodotto più naturale possibile.

VinNatur coltiva la rete di collaborazioni con diverse Università, Centri per la Sperimentazione e con la società di consulenza agronomica Vitenova al fine di trasferire ai propri soci conoscenze negli ambiti della biologia, dell’entomologia e della fisiologia da applicare in vigna e in cantina. Le analisi previste dal Disciplinare VinNatur, inoltre, aiutano i soci a verificare e affinare il grado di apprendimento e di messa in pratica delle conoscenze acquiste.

 

Di seguito i migliori classificati nelle diverse categorie con il relativo prezzo indicativo di vendita al pubblico:

BOLLICINE
Veneto Col Tamarie “Col Tamarie bio” L 05.2018 13-15 €
Emilia Romagna Il Farneto Soc. Agr. “Mary of Modena” 36 mesi sui lieviti – 18-20 €
Veneto Insolente “Ramato” 2017 12 – 14 €

BIANCHI
Lombardia Martilde Az. Agr. “Dedica” Provincia di Pavia Malvasia IGT 2018 10-12 €
Campania Giovanni Iannucci “Campo di Mandrie” Beneventano IGP 2017 14 – 16 €
Sicilia Marco De Bartoli & C SRL “Integer” Grillo Terre Siciliane IGP 2017 25 €
Veneto Calalta di Nicola Brunetti “Mentelibera” Veneto IGT 2017 14 – 16 €
Emilia Romagna Cà dei Quattro Archi “Mezzelune” Vino Bianco 2017 12 – 14 €

ROSSI
Basilicata Musto Carmelitano Az. Agr. “Pian del Moro” Aglianico del Vulture DOC 2013 18-20 €
Piemonte Barale f.li Barolo 2015 40-50 €
Alto Adige Reyter “Schiava” 2016 16-18 €
Alto Adige Weingut In Der Eben “Sankt Anna” Vigneti delle Dolomiti Schiava IGT 2015 16-18 €
Toscana Sequerciani “Foglia Tonda” Toscana IGT 2017 20 €

FUORI CATEGORIA
Marche Az. Agr. Tiberi David “Vino Cotto Stravecchio” 2006 25-30 €
Sicilia Dos Tierras Badalucco de la Iglesia Garcia “Perpetuum Pre British” Grillo & Catarratto

 

Press info:

Anna Sperotto
Giulia Tirapelle

LE MORETTE: IL LUGANA SUPERA LA PROVA DEL CLIMA

LE MORETTE: IL LUGANA SUPERA LA PROVA DEL CLIMA

All’azienda agricola Le Morette una verticale ha dimostrato la capacità di adattamento della Turbiana ai cambiamenti climatici

Dieci anni di clima sotto la lente di ingrandimento de l’Azienda Agricola Le Morette per cercare di comprendere gli effetti sul calice di stagioni sempre meno prevedibili. Il risultato finale conferma le potenzialità della varietà Turbiana, uva autoctona utilizzata nella produzione del Lugana DOC.

Fabio e Paolo Zenato, titolari dell’azienda Le Morette, nella sede di Peschiera del Garda (Verona), hanno condotto un incontro con il supporto dell’agronomo Marco Tonni, il quale ha esaminato l’andamento stagionale a partire dai primi anni Novanta, da quando cioè si è registrato un aumento medio delle temperature, che ha portato ad un anticipo della vendemmia mediamente di 10 giorni. “Il cambiamento climatico – ha affermato Tonni – è sotto gli occhi di tutti e il 99% dei climatologi concorda sull’importanza di prestare l’attenzione necessaria al fenomeno”.

Tonni ha quindi esaminato l’ultima decade, dal 2008 ad oggi. “Non si deve guardare solamente – prosegue – ai valori annuali relativi a temperature e precipitazioni: va analizzata in profondità la distribuzione nell’anno dei fenomeni, che ha portato a grande variabilità di anno in anno”. Nello stesso periodo abbiamo così registrato annate decisamente fresche come 2010 e 2014, annate calde come 2009, 2015 e 2017 e annate sostanzialmente equilibrate come 2008, 2013 e 2016.

Sono quindi stati serviti alla cieca 10 vini prodotti da Le Morette tra il 2008 e il 2016 nelle tre tipologie: Lugana Mandolara, prodotto con un assemblaggio di uve Turbiana provenienti dai diversi vigneti di proprietà, distribuiti all’interno della denominazione; Lugana Benedictus ottenuto da una particolare selezione di uve proveninti dal vigneto più storico di circa 50 anni e fermentato con lieviti indigeni, Lugana Riserva, frutto di una selezione in vigna e prodotto in edizione limitata con bottiglie numerate.

Anche per i palati più esperti presenti alla serata non è stato facile risalire all’annata del vino. Un risultato sorprendente da ricondurre a due motivazioni principali:

– i caratteri intrinsechi della varietà Turbiana. Un’uva selezionata in loco, proprio grazie al lavoro vivaistico de Le Morette, e quindi più integra dal punto di vista genetico, consentendo una migliore capacità di adattamento al territorio anche in annate climaticamente estreme. La Turbiana inoltre è una vite longeva e il vigneto più vecchio, con un apparato radicale più esteso, è notoriamente meno vulnerabile;

– la capacità del viticoltore di adattarsi alla stagione intervenendo con attente scelte agronomiche capaci di contrastare i fenomeni climatici. La modulazione del diradamento fogliare o l’uso dell’irrigazione a goccia ad esempio sono due degli accorgimenti che consentono di gestire al meglio le stagioni con i picchi termici.

Questa seconda motivazione è più evidente nei vini le cui uve sono vendemmiate tardivamente, come Lugana Benedictus e Riserva. “La vendemmia posticipata – ha spiegato Paolo Zenato, fratello di Fabio – ci lascia più tempo per accompagnare la vite al risultato di qualità voluto. Ad esempio nella fredda 2014 ci siamo avvantaggiati di un mese di settembre in cui solo dopo la metà del mese si è finalmente rivisto il sole”.

La giornata studio organizzata da Le Morette ha pertanto permesso di comprendere come il macrofenomeno del cambiamento climatico – non modificabile dal singolo individuo – sia comunque gestibile quando si può contare su varietà che supportano bene queste fasi assecondandole e il viticoltore stesso abbia l’abilità di coniugare capacità e competenze frutto dell’esperienza, in grado di interpretare al meglio i vari aspetti riducendone così l’impatto sulla pianta. “Ancor di più oggi – conclude Fabio Zenato – dobbiamo lavorare al delicato equilibrio tra territorio, vite e uomo, unica strada per una viticoltura autentica, di qualità, all’insegna della sostenibilità”.

Press info:

Michele Bertuzzo
Elisa Rigon

CONVIVIO ZORZETTIG: TRA MITTELFEST E TEATRO IL VINO INCONTRA LA CULTURA

CONVIVIO ZORZETTIG: TRA MITTELFEST E TEATRO IL VINO INCONTRA LA CULTURA

Annalisa Zorzettig al Mittelfest Forum il 19 luglio per la presentazione del libro Gli eroi bevono vino. Il mondo antico in un bicchiere . Il 26 luglio in azienda la rassegna Un calice a teatro

 

Vino e cultura, un binomio tanto consolidato quanto inesauribile. Convivio Zorzettig, la manifestazione cultural-gastronomica ideata da Annalisa Zorzettig, è nata cinque anni fa con l’obiettivo di creare e valorizzare contenuti che leghino l’universo enologico con il mondo delle arti. Un progetto, quello dell’Azienda Agricola con sede a Cividale del Friuli (Udine), che quest’anno consolida la collaborazione con il Mittelfest, in particolare con la partecipazione di Annalisa alla presentazione del libro Gli eroi bevono vino. Il mondo antico in un bicchiere (Ed. Laterza). L’incontro si svolgerà venerdì 19 luglio alle ore 17.00 a Palazzo De Nordis di Cividale, durante il quale l’autrice Laura Pepe, docente dell’Università degli Studi di Milano, Annalisa Zorzettig, titolare dell’Azienda Agricola Zorzettig, e Anna Scafuri, giornalista Rai e scrittrice, affronteranno il rapporto che le antiche civiltà greca e romana intrattenevano con il vino: i rituali, il galateo, la filosofia e l’etica attorno al nettare d’uva. Il vino sarà protagonista anche del momento conviviale a chiusura dell’incontro.

L’appuntamento rientra nel più ampio percorso del Mittelfest Forum, in programma dal 12 al 21 luglio a Cividale, che quest’anno approfondisce i temi della Leadership e dell’Europa.
Prestigiosa vetrina di prosa, musica e danza: Mittelfest nasce nel 1991, nell’Europa centro – orientale impegnata a ricostruire e riaffermare la propria identità dopo il crollo dei regimi totalitari.

L’estate di Convivio Zorzettig si arricchisce anche di altre collaborazioni. Venerdì 26 Luglio alle ore 20.45 il gruppo teatrale El Tendon sarà ospite in Cantina Zorzettig con lo spettacolo Predolino alla riscossa per la Rassegna Teatrale Itinerante Un Calice a teatro nel cuore del Friuli Colli Orientali. La commedia avrà luogo nel giardino dell’azienda a Spessa di Cividale e sarà seguito da una degustazione dei prodotti tipici locali.

 

Per maggiori informazioni inviare una email a convivio@zorzettigvini.it o telefonare al numero + 39 388 341 4931

 

Ufficio stampa:

Giulia Tirapelle
Anna Sperotto

MACULAN: IL CAMBIO GENERAZIONALE SPIEGATO DA MARIA VITTORIA AL CUOA DI ALTAVILLA

MACULAN: IL CAMBIO GENERAZIONALE SPIEGATO DA MARIA VITTORIA AL CUOA DI ALTAVILLA

 Nell’ambito dell’Executive Master in Wine Business, Maria Vittoria Maculan spiega come è avvenuto il passaggio di consegne dal padre Fausto alle figlie

 

Il cambio generazionale è un processo molto delicato nella vita di un’azienda, da curare nei dettagli sotto il profilo strutturale e umano. Un tema importante che Maria Vittoria Maculan affronterà in occasione del seminario Donne imprenditrici e passaggio generazionale nelle aziende del vino. L’incontro, con un particolare focus sulle protagoniste femminili, sarà moderato da Diego Begalli, Direttore Scientifico dell’Executive Master in Wine Business Management del CUOA, e si terrà il 3 luglio alle ore 17.00 nella sede della Business School internazionale ad Altavilla Vicentina (Vicenza). Insieme a Marica Bonomo dell’Azienda Agricola Monte Del Frà e Maddalena Pasqua Di Bisceglie per Musella, Maria Vittoria Maculan spiegherà il processo interno che ha portato lei e la sorella Angela a raccogliere il testimone del padre Fausto al vertice dell’azienda.

Lo stesso Fausto, seconda generazione dell’impresa Maculan, ha progettato l’inserimento e la crescita professionale delle figlie, percorso iniziato oltre quindici anni fa con l’ingresso in azienda della primogenita Angela. Le sorelle Maculan hanno gradualmente costruito e definito il proprio ruolo in azienda, prima con la mentorship del padre, che ha trasmesso loro le competenze commerciali e la passione per il vino, passando per un decentramento organizzativo, con la spartizione delle aree gestionali, per arrivare a una sempre maggiore autonomia e legittimazione di Maria Vittoria e Angela come punti di riferimento aziendali per gli stakeholder.

Maria Vittoria Maculan, 33 anni e una laurea in Scienze e Tecnologie Viticole ed Enologiche, è enologo, deputata all’organizzazione delle attività nei vigneti e al coordinamento della cantina. Angela Maculan, laureata in Scienze e Tecnologie Agrarie, è responsabile commerciale e porta il brand e i vini Maculan in giro per il mondo.


Press info:

Elisa Rigon
Michele Bertuzzo


Pubblicità su questo blog
iCru
Direttore responsabile: Michele Bertuzzo
In redazione: Davide Cocco, Anna Sperotto, Giada Azzolin, Carlotta Faccio, Chiara Brunato, Marco Zanella, Irene Graziotto, Marta Xerra, Elena Scarso, Micaela Tussetto

CRU STUDIO ASSOCIATO

Viale Verona, 98
36100 Vicenza, Italia

Tel +39 0444 042110
Cell / Whatsapp +39 393 8168013

NEWSLETTER

Per rimanere sempre aggiornato sul mondo Cru puoi iscriverti alla nostra newsletter, assolutamente aperiodica.
Per farlo clicca qui

Scrivici
Loading...