+39 0444 042110 info@studiocru.it
AL VIA IL MERCATO DEI VIGNAIOLI INDIPENDENTI: TRE GIORNI DI VINO E SAPORI A PIACENZA EXPO

AL VIA IL MERCATO DEI VIGNAIOLI INDIPENDENTI: TRE GIORNI DI VINO E SAPORI A PIACENZA EXPO

Da sabato 23 a lunedì 25 novembre la nona edizione con 626 Vignaioli e 17 Artigiani del Cibo. Una festa di incontri alla scoperta del mondo FIVI

 

È partito il conto alla rovescia per la nona edizione del Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti. Le porte dei padiglioni di Piacenza Expo saranno aperte sabato 23 e domenica 24 novembre dalle 11.00 alle 19.00 e, novità di quest’anno, anche lunedì 25 dalle 10.00 alle 16.00. Per agevolare l’ingresso, le casse apriranno un’ora prima. Piacenza Expo, partner della manifestazione, si conferma il luogo ideale per la strategica posizione geografica e per la tipologia di struttura e di organizzazione fieristica, capace di accogliere Vignaioli da tutta Italia e al contempo di mantenere lo spirito del Mercato fatto di incontri e confronti.

Protagonisti del Mercato saranno i Vignaioli Indipendenti, che raggiungono con questa edizione la presenza record di 626 espositori provenienti da ogni regione d’Italia. I Vignaioli Indipendenti sono i rappresentanti di una viticoltura artigianale che vuole farsi custode del territorio e delle tradizioni, che segue l’intera filiera produttiva dalla coltivazione delle vigne fino alla produzione e all’imbottigliamento del vino.

13.000 metri quadri di esposizione per un evento che l’anno scorso ha visto 18.000 ingressi in due giorni. 800 carrelli (erano 500 nel 2018) e 300 trolley a disposizione per gli acquisti. Sarà possibile farsi spedire le bottiglie acquistate direttamente a casa grazie al servizio offerto da I-DIKA.

“Questi numeri – commenta la presidente FIVI Matilde Poggi – confermano la rilevanza e la crescita continua negli anni dell’appuntamento più importante per la nostra Federazione, una vera e propria mostra mercato che porta a Piacenza vignaioli da tutta Italia e un numero sempre crescente di visitatori”.

Nel padiglione 1 il pubblico potrà confrontarsi direttamente con i Vignaioli che già conosce, scoprirne di nuovi, ascoltare racconti di uomini, territori e sfide, degustare e acquistare i vini. Tra questi anche tre vignaioli indipendenti francesi provenienti dalla Champagne, dal Rodano e dalla regione della Charente.

Nel padiglione 2 troveranno invece spazio 17 Artigiani del Cibo che, in una sorta di tour gastronomico, proporranno specialità della tradizione italiana da consumare in loco o da portare a casa.

Un ricco programma caratterizzerà il Mercato. Nel corso dei tre giorni sarà possibile partecipare a cinque degustazioni dedicate al rapporto tra uomo e territorio condotte rigorosamente da Vignaioli. Quest’anno esploreranno Sicilia, Toscana, Piemonte, Puglia e Emilia Romagna.

Domenica sarà invece il momento della cerimonia di premiazione del Vignaiolo dell’anno. Il riconoscimento, intitolato a Leonildo Pieropan (tra i fondatori della FIVI), andrà a Lorenzo Accomasso, vignaiolo in Piemonte che si è distinto per la sua produzione di Barolo e per l’impegno profuso per il suo territorio.

Lunedì mattina verranno consegnate le targhe ai nuovi Punti di Affezione, enoteche e ristoranti promotori del messaggio dei vignaioli indipendenti e che possono quindi esporre il logo FIVI nel loro locale.

 

Per tutte le informazioni e il programma completo : www.mercatodeivini.it

INFO IN BREVE | Mercato FIVI a Piacenza:
Quando:
sabato 23, domenica 24 e lunedì 25 novembre 2019
Dove: Piacenza Expo – Località le Mose, Via Tirotti, 11 – Piacenza
Orario di apertura al pubblico: sabato e domenica dalle 11.00 alle 19.00, lunedì dalle 10.00 alle 16.00. Apertura casse un’ora prima.
Ingresso: € 15.00 per un giorno, € 20.00 per due giorni, € 30.00 per tre giorni comprensivi di bicchiere per degustazioni
Ingresso ridotto: € 10.00 per soci AIS – FIS – FISAR – ONAV e SLOW FOOD (il socio deve mostrare tessera valida dell’anno in corso) e possessori del biglietto della manifestazione MareDivino 2019
Parcheggio: gratuito
Info utili: 800 i carrelli e 300 trolley disponibili per gli acquisti
I minorenni non pagano l’ingresso e non possono effettuare degustazioni

Press info:

Anna Sperotto
Martina Lucchin

ASPETTANDO RADICI DEL SUD 2020: OTTO TAPPE PER SCOPRIRE GLI AUTOCTONI DEL MERIDIONE

ASPETTANDO RADICI DEL SUD 2020: OTTO TAPPE PER SCOPRIRE GLI AUTOCTONI DEL MERIDIONE

Da novembre a maggio un ricco calendario di appuntamenti per approfondire la conoscenza di prestigiose realtà vinicole del Sud Italia. Dal 9 al 15 giugno la 15a edizione di Radici del Sud

 

A partire dal 21 novembre e fino alla fine di maggio torna la rassegna Aspettando Radici del Sud, una serie di appuntamenti pensati per approfondire la conoscenza dei vini da vitigni autoctoni del Meridione. Degustazioni, cene e incontri con gli addetti ai lavori che si svolgeranno in Puglia, Basilicata, Marche e Roma per prepararsi al meglio alla 15a edizione di Radici del Sud, in programma al Castello Normanno Svevo di Sannicandro di Bari dal 9 al 15 giugno 2020.

Si inizia giovedì 21 novembre a Fano (PU) al Bistrot lo Spietato con Mediterraneo il ponte tra i mondi, una rassegna in due appuntamenti (la seconda data è il 5 dicembre) sulla cucina mediterranea intesa come modo di pensare al cibo. Le aziende vinicole selezionate dall’edizione 2019 di Radici del Sud per i primi due appuntamenti saranno: A.A. Barone Macrì, Cantine Bonsegna, Cantine Elda, Rossovermiglio, Sertura Vini, Tenute Fontana, Bosco de Medici e Cantina Delite.

Dal 17 al 19 dicembre, tra Sannicandro di Bari e Minervino Murge (BT), si svolgerà la rassegna itinerante Storia, Geografia, Scienze sociali del vino e del cibo del Sud realizzata in collaborazione e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio regionale di Puglia.

Saranno tre giorni dedicati alle culture vinicole, olearie e alimentari del Sud d’Italia con laboratori, attività e dibattiti. Tutti i protagonisti delle filiere agroalimentari potranno confrontarsi e creare nuove sinergie al fine di diffondere un rinnovato stile alimentare e di vita: chef, viticoltori, olivicoltori, contadini, pescatori, pastori, ma anche giornalisti e appassionati. Alle ore 19 di giovedì 19 dicembre, durante la serata conclusiva alla Masseria Barbera a Minervino, si terrà la conferenza guidata dal giornalista di Rai 3 Michele Peragine. Interverranno rappresentanti delle istituzioni regionali, giornalisti del settore italiani e stranieri, il direttore del dipartimento Health MarketPlace della Regione Puglia dott. Felice Ungaro, il Prof. Antonio Mazzocca dell’Università degli Studi di Bari e il presidente del Parco dell’Alta Murgia Francesco Tarantini. In questa occasione si rilancerà il tema dell’alimentazione sostenibile anche dal punto di vista del rapporto tra dieta e salute. Seguirà, alle 20.30, la degustazione dei 75 vini autoctoni del Meridione d’Italia premiati al Salone del vino di Radici del Sud 2019, abbinati a piatti tipici realizzati dai cuochi della Masseria Barbera e di Aromi Bistrot di Sannicandro di Bari.

La rassegna proseguirà con altre iniziative, a gennaio l’appuntamento sarà dedicato all’Aglianico, il vitigno principe del Sud, fino ad arrivare a giugno alla quindicesima edizione di Radici del Sud.
Info e prenotazioni: 346 4076012

 

Ufficio stampa:

Anna Sperotto
Carlotta Flores Faccio

CONGRESSO NAZIONALE AIS: VERONA CAPITALE DELLA SOMMELLERIE ITALIANA

CONGRESSO NAZIONALE AIS: VERONA CAPITALE DELLA SOMMELLERIE ITALIANA

Dal 22 al 24 novembre 2019 la 53° edizione del Congresso Nazionale AIS, che porterà nella città scaligera tour guidati, banchi d’assaggio e laboratori dedicati al mondo del vino e dell’enoturismo

 

Tutto pronto a Verona per il fine settimana dedicato alla sommellerie. Da venerdì 22 a domenica 24 novembre 2019 la città scaligera ospiterà il 53° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana Sommelier organizzato da AIS Veneto e dedicato all’enoturismo. Tre giorni di appuntamenti che coinvolgeranno non solo i professionisti e gli operatori di settore, ma anche il pubblico, che potrà partecipare a tour guidati, incontri, banchi d’assaggio e laboratori.

Gli eventi inizieranno nel pomeriggio di venerdì 22 novembre con PerCorsi: tre tour guidati, in partenza dal Palazzo della Gran Guardia in Piazza Bra, che accompagneranno i partecipanti alla scoperta delle meraviglie enologiche del territorio veneto. Dalle 14.30 alle 18.30 sono in programma le visite Vulcanici Euganei sui Colli Euganei e Tra Castelli e filari attraverso le vigne del Soave, mentre dalle 13.00 alle 18.30 l’appuntamento è con Le Stanze del vino, per scoprire il profondo legame che lega la città scaligera all’enologia. Tra Castelli e Filari e Le Stanze del vino saranno riproposte anche il sabato dalle 9.30.

Sabato mattina alle 10.00 il Teatro Filarmonico ospiterà il convegno di apertura dedicato a presente e futuro dell’enoturismo, dove si parlerà di terroir come destinazione turistica, di comunicazione nel mondo del vino, del marketing digitale e della formazione degli operatori.

Allo stesso orario si apriranno i Saloni del Gusto PerLage che porterà al Centro Congressi CCIAA i migliori spumanti veneti e PerGola al Palazzo della Gran Guardia con i piatti della tradizione gastronomica del territorio. I banchi d’assaggio ospiteranno alle 11.00 e alle 17.00 alcuni laboratori aperti al pubblico dedicati ai bordolesi veneti e al Prosecco, fino all’arte casearia e alla produzione della carne e dei salumi. Nella serata di sabato il Congresso Nazionale coinvolgerà anche i ristoranti del centro storico di Verona: ciascuno ospiterà un sommelier AIS Veneto che proporrà e spiegherà ai commensali i migliori abbinamenti con gli spumanti veneti.

La domenica mattina saranno in partenza altri tour guidati: alle 8.00 Le Ville Palladiane e i vini dei Colli Berici, alle 9.30 Paesaggio Valpolicella, mentre alle 10.00 l’appuntamento sarà al Centro Congressi CCIAA dove si terrà la sfida finale del Concorso Miglior Sommelier d’Italia Premio Trentodoc 2019.

I saloni in programma per la giornata sono Vinetia – Guida ai vini del Veneto, che raggrupperà al Palaexpo di Verona Fiere le eccellenze enologiche della Regione premiate dalla guida, e Trentodoc – Bollicine di montagna, il banco d’assaggio dedicato al Metodo Classico Trentino ospitato dal Centro Congressi CCIAA. Domenica sarà inoltre una giornata dedicata alle degustazioni, con appuntamenti dedicati dall’Amarone al Raboso, fino ai grandi passiti veneti e al Soave.

Tutti gli eventi sono accessibili esclusivamente previa registrazione online dalla pagina congressonazionale.aisitalia.it, dove è inoltre possibile scaricare il programma completo del Congresso Nazionale 2019. Per tutto il fine settimana sarà disponibile un servizio navetta gratuito e i partecipanti con un ticket del congresso potranno accedere gratuitamente a Durello & Friends a partire dalle ore 17.00 di domenica 24 novembre al Palazzo della Gran Guardia.

 

Ufficio stampa:
Carlotta Flores Faccio
Davide Cocco

CANTINA MACULAN E FONDAZIONE BANCA DEGLI OCCHI: LA GIURIA DI QUALITÀ HA SCELTO IL SANTALUCIA 2018

CANTINA MACULAN E FONDAZIONE BANCA DEGLI OCCHI: LA GIURIA DI QUALITÀ HA SCELTO IL SANTALUCIA 2018

Località Branza si conferma terra di elezione per il progetto Santalucia sostenuto dalla Cantina di Breganze. Ad essere selezionata una barrique di Cabernet Sauvignon

 

Da undici anni Cantina Maculan e Fondazione Banca degli Occhi del Veneto Onlus sono unite nel progetto Santalucia, finalizzato alla raccolta fondi a sostegno della ricerca scientifica per migliorare le tecniche di trapianto di cornea e la cura di malattie della vista.
Il panel di selezione ha visto ospiti esperti, giornalisti e critici enogastronomici degustare alla cieca sei diversi monovarietali dalle migliori barrique di Cantina Maculan. Ad aggiudicarsi le preferenze della giuria di qualità, il Cabernet Sauvignon prodotto da uve del vigneto di Branza, in località Fratta, impianto piuttosto recente che tesse la sua trama di filari nel terreno tufaceo dei pendii più alti di Breganze. Per il secondo anno consecutivo, Branza dà i natali al Santalucia: l’esemplare 2017, infatti, era un Merlot da uve coltivate nella stessa area.

L’intera barrique di Cabernet Sauvignon, 225 litri, sarà imbottigliata in 300 esemplari da 0,75 litri di Santalucia 2018 e i proventi raccolti dalla distribuzione delle bottiglie finanzieranno la ricerca di Fondazione Banca degli Occhi. Da 30 anni l’ente non profit ridona la vista attraverso il trapianto, lo studio e la cura delle malattie oculari. Centro di riferimento per le regioni di Veneto e Friuli Venezia Giulia per i trapianti di cornea, è una tra le principali banche degli occhi a livello europeo.

Il progetto Santalucia nasce da un’idea di Fausto Maculan, titolare dell’Azienda, che nel 2008 organizza la prima edizione dell’iniziativa. “Il mondo del vino e le imprese del territorio devono impegnarsi ad avere una visione non soltanto del mercato di riferimento, ma della società in cui sono inserite – dichiara Fausto Maculan – Aiutare in prima persona realtà importanti come la ricerca per le malattie oculari è un impegno e una responsabilità che abbiamo il piacere di sostenere, insieme a molti amici imprenditori e a cittadini che in occasione delle Feste scelgono di fare un acquisto solidale.”

Santalucia 2018 sarà disponibile su ordinativo presso la Cantina Maculan e presso Fondazione Banca degli Occhi a partire dal 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, con una donazione minima di 100 euro.

“Desidero ringraziare Fausto Maculan per questa collaborazione così lunga e generosa, che per l’undicesimo anno ha fatto nascere il progetto fino a sancire l’ultima edizione – afferma Giuseppe Di Falco, Presidente di Fondazione Banca degli Occhi del Veneto Onlus – Grazie al suo impegno in questi anni abbiamo potuto raccogliere 300.000 euro a sostegno della ricerca sulle malattie oculari. La nostra riconoscenza va a questo sforzo e al servizio che, da imprenditore del territorio, Fausto Maculan compie anche come Consigliere di Amministrazione pro bono per la nostra organizzazione”.

 

Maggiori informazioni sul progetto:
Fondazione Banca degli Occhi del Veneto Onlus

www.fbov.org/ info@fbov.it / 041.9656440/442

Ufficio stampa Maculan:
Giulia Tirapelle
Michele Bertuzzo

Fondazione Banca degli Occhi: 
Maria Paola Scaramuzza
Enrico Vidale

ASPETTANDO IL BASSANO WINE FESTIVAL: DUE SERATE ALL’INSEGNA DELL’ABBINAMENTO VINO CIBO

ASPETTANDO IL BASSANO WINE FESTIVAL: DUE SERATE ALL’INSEGNA DELL’ABBINAMENTO VINO CIBO

A Villa Morosini Cappello il 5 dicembre con Champagne e il 6 con Vespaiolo e bacalà. Il 7 e 8 dicembre la terza edizione del Bassano Wine Festival

 

Un lungo fine settimana di gusto all’insegna della grande tradizione vinicola italiana e non solo. Giovedì 5 e venerdì 6 dicembre farà il suo esordio Aspettando il Bassano Wine Festival, due serate di degustazioni a tema che anticiperanno l’avvio della terza edizione del Bassano Wine Festival. La mostra mercato, con 70 cantine provenienti da tutta Italia, si terrà infatti sabato 7 e domenica 8 dicembre nella nuova location di Villa Morosini Cappello, a Cartigliano (Vicenza). Qui avranno luogo anche le serate di degustazione, una prima assoluta per il Festival, durante le quali verranno proposti abbinamenti di vino e cibo.

Lo Champagne sarà il protagonista della serata di giovedì 5 dicembre. A partire dalle 20.30 i presenti potranno degustare una selezione di bollicine d’Oltralpe in una masterclass condotta da Gianpaolo Giacobbo.

Venerdì 6 dicembre, sempre alle 20.30, si terrà invece la serata Vespaiolo & Baccalà, con i piatti a base di bacalà alla vicentina preparati da Antonio Chemello del Ristorante Da Palmerino di Sandrigo (VI) abbinati ai vini della cantina IoMazzucato.

Grande spazio alla promozione dei vini regionali e nazionali verrà dato anche nel corso del Bassano Wine Festival. Novità di questa edizione sarà la partnership con AIS Veneto, che condurrà alcune masterclass di approfondimento durante i due giorni di Fiera, alle 14.30 e alle 17.00, dedicate a regioni vinicole di grande tradizione come la Champagne, la Borgogna e il Friuli.

Il Bassano Wine Festival si presenta come un vero e proprio mercato del vino. I visitatori potranno dunque non solo degustare ma anche acquistare direttamente le etichette delle piccole realtà del mondo del vino, così come i prodotti degli artigiani della gastronomia che parteciperanno al Festival.

Per info e prenotazioni alle masterclass di Aspettando il Bassano Wine Festival: www.bassanowinefestival.it/aspettando-il-bwf/

 

Bassano Wine Festival in breve:
Quando
: sabato 7 e domenica 8 dicembre 2019
Dove: Villa Morosini Cappello, Cartigliano (VI)
Orario di apertura al pubblico: sabato dalle 14.00 alle 22.00 e domenica dalle 11.00 alle 20.00
Ingresso: € 20,00 ingresso per un giorno al Bassano Wine Festival comprensivo di accesso ai banchi d’assaggio e degustazione di un piatto tipico
Ingresso ridotto: € 15,00 in prevendita online fino al 1 dicembre
Parcheggio: gratuito
I minorenni non pagano l’ingresso e non possono effettuare degustazioni.

Press info:

Anna Sperotto
Martina Lucchin

ANTONELLA CORDA: DUE ANNATE DI VERMENTINO PER RACCONTARE LA SUA SARDEGNA

ANTONELLA CORDA: DUE ANNATE DI VERMENTINO PER RACCONTARE LA SUA SARDEGNA

La cantina di Serdiana (CA) presenta il cofanetto con il Vermentino di Sardegna DOC 2017 e 2018. Stesso vino, diverse espressioni

 

Due annate di Vermentino, due sfumature della Sardegna. La cantina Antonella Corda presenta il nuovo progetto che racchiude, in un’unica confezione, le annate 2017 e 2018 del suo Vermentino di Sardegna DOC. Il doppio cofanetto nasce per raccontare due diverse espressioni di questo vino e le peculiarità che la natura è in grado di donargli di anno in anno, pur preservando gli aromi e i profumi caratteristici del vitigno.

“Sono due vini molto diversi, ma che assieme raccontano perfettamente la nostra meravigliosa terra – spiega Antonella Corda, fondatrice della cantina – Nel 2017 abbiamo avuto un’estate calda che ci ha donato uve di grande bellezza sia estetica che gustativa e di conseguenza un vino molto intenso e dai sentori di macchia mediterranea. Il 2018 è stato invece un anno più fresco e piovoso, con un’escursione termica che ci ha permesso di esaltare al meglio la sapidità e le note floreali del vitigno.”

Le uve di vermentino provengono dal vigneto Mitza Manna: situato a circa 170 metri sul livello del mare, si caratterizza per un terreno molto profondo con presenza di marne arenarie e calcaree. Mitza Manna, così come gli altri vigneti della cantina, è in conversione biologica e viene gestito in modo da ottenere l’equilibrio vegeto-produttivo ottimale per poter esaltare le caratteristiche del vitigno e del terroir.

Le uve provenienti dalle diverse aree del vigneto vengono raccolte e vinificate separatamente, mentre in cantina il lavoro prosegue con macerazioni pellicolari a freddo prima dell’assemblaggio del mosto.

Il cofanetto con il Vermentino di Sardegna DOC 2017 e 2018 di Antonella Corda, che ha ottenuto il riconoscimento di Cantina Emergente nella guida Vini d’Italia 2019 del Gambero Rosso, sarà in vendita nelle migliori enoteche dal 20 novembre 2019 al prezzo consigliato di 33,50 euro.

 

Ufficio Stampa:

Carlotta Faccio
Anna Sperotto

MERCATO FIVI A PIACENZA: AL “CAVALIERE” DEL BAROLO IL PREMIO DI VIGNAIOLO DELL’ANNO

MERCATO FIVI A PIACENZA: AL “CAVALIERE” DEL BAROLO IL PREMIO DI VIGNAIOLO DELL’ANNO

Lorenzo Accomasso, vignaiolo in Piemonte, riceverà il riconoscimento domenica 24 novembre nel corso della nona edizione del Mercato dei Vini di Piacenza

 

Lorenzo Accomasso, vignaiolo in Piemonte, è il Vignaiolo dell’anno per la Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti (FIVI). Classe 1933, Accomasso è un agricoltore e produttore, attento conoscitore della storia e della tradizione delle Langhe e del Barolo. Vignaiolo di grande intuito, ancora oggi fonte di ispirazione per le nuove generazioni, riceverà il premio intitolato a Leonildo Pieropan domenica 24 novembre 2019 nel corso del Mercato dei Vini a Piacenza Expo.

“Renzo rappresenta l’anima vera della Langa, quella meno appariscente e più operosa – afferma Vittorio Adriano, vignaiolo in Piemonte e consigliere FIVI – che sa parlare di vino in maniera appassionata e al tempo stesso tecnica. La sua passione per il territorio ha contribuito in maniera significativa al riconoscimento delle Langhe come il 50° sito UNESCO in Italia”.

L’azienda agricola della famiglia Accomasso ha sede a La Morra (Cuneo). Alla sua terra e ai suoi vigneti, i cru “delle Rocche” e “delle Rocchette”, il Cavaliere ha dedicato tutta la vita. Ad ispirarlo la convinzione che il vino buono nasce nella vigna. Nell’etichetta del suo primo Barolo, del 1958, ha inserito infatti anche il cru di provenienza. Il vignaiolo anticipava così di almeno cinquanta anni le attuali Menzioni Geografiche Aggiuntive, per realizzare poi il suo sogno: vedere “regione Rocche”, il nome del cru di La Morra, in etichetta. Produttore dei Barolo Rocche e Rocchette, vini ottenuti da una vinificazione tradizionale con lunghe macerazioni, Accomasso si è distinto come presidente del Consiglio della Cantina comunale di La Morra ed è stato insignito di importanti riconoscimenti, tra i quali quello di Cavaliere della Repubblica.

Il premio della FIVI gli verrà consegnato durante la nona edizione del Mercato dei Vini di Piacenza, in programma da sabato 23 a lunedì 25 novembre 2019. Al più importante appuntamento dell’associazione parteciperanno 626 Vignaioli Indipendenti. Il pubblico potrà incontrare i produttori, degustare e acquistare i loro vini, e conoscere da vicino il mondo dei vignaioli FIVI, custodi del territorio e della viticoltura artigianale.

Per tutte le informazioni: www.mercatodeivini.it

 

INFO IN BREVE | Mercato FIVI a Piacenza:
Quando
: sabato 23, domenica 24 e lunedì 25 novembre 2019
Dove: PiacenzaExpo – Località le Mose, Via Tirotti, 11 – Piacenza
Orario di apertura al pubblico: sabato e domenica dalle 11.00 alle 19.00, lunedì dalle 10.00 alle 16.00
Ingresso: € 15.00 per un giorno, € 20.00 per due giorni, € 30.00 per tre giorni comprensivi di bicchiere per degustazioni
Ingresso ridotto: € 10.00 per soci AIS – FIS – FISAR – ONAV e SLOW FOOD (il socio deve mostrare tessera valida dell’anno in corso) e possessori del biglietto della manifestazione MareDivino 2019
Parcheggio: gratuito
Info utili: 800 carrelli e 300 trolley disponibili per gli acquisti
I minorenni non pagano l’ingresso e non possono effettuare degustazioni.

 

Press info: 

Martina Lucchin
Anna Sperotto

DONNE E LAVORO AL CENTRO DI UN CONVEGNO: LA PASTICCERIA FILIPPI SOSTIENE L’EVENTO

DONNE E LAVORO AL CENTRO DI UN CONVEGNO: LA PASTICCERIA FILIPPI SOSTIENE L’EVENTO

Il 22 novembre a Thiene l’incontro L’equilibrio sottile. Come le libere professioniste conciliano ogni giorno vita, lavoro e famiglia. La Pasticceria di Zanè conferma così il suo impegno come Certified B Corporation

 

Conciliare ogni giorno vita, lavoro e famiglia. Come libere professioniste. È questo il tema del convegno L’equilibrio sottile, in programma venerdì 22 novembre 2019 a Casa Insieme, in via Braghettone a Thiene (Vicenza). L’incontro gode del patrocinio del Comune di Thiene e farà luce sulle difficoltà, ma anche sulle potenzialità, che caratterizzano il lavoro delle libere professioniste. Tematiche, queste, da sempre care alla Pasticceria Filippi di Zanè (Vicenza), che con il sostegno al convegno rinnova il suo impegno come Certified B Corporation.

“In quanto B Corp – afferma Andrea Filippi, titolare della Pasticceria – rispettiamo determinati standard e operiamo per produrre un impatto positivo verso i nostri collaboratori, la comunità in cui operiamo e l’ambiente che ci circonda. Riuscire a conciliare vita privata, famiglia e lavoro è importante in primis per la persona ma anche per le ricadute positive che questo può avere sulla comunità di appartenenza. La speranza è che questo convegno possa sensibilizzare e dare utili spunti su tematiche quali la maternità, la malattia, la burocrazia e la parità salariale”.

L’incontro, ideato e organizzato dall’avvocato Laura Elena Campese, di Avvocati Associati Campese di Thiene, con Valentina Simeoni (autrice di Mamme con la partita Iva), si svolgerà dalle 14.00 alle 18.45. Si partirà affrontando il tema del Welfare per freelance con la traduttrice e portavoce dell’Associazione Consulenti del Terziario Avanzato (Acta), Samanta Boni. Si parlerà poi del Gender paygap, con la giornalista di Donna Moderna Myriam De Filippi. A seguire l’avvocato Laura Decchino interverrà sul caso della professione legale, mentre Gaia Maria Dall’Oglio e Paola Torrieri racconteranno le loro esperienze come imprenditrice digitale e networker. Ci sarà inoltre la possibilità di usufruire di veloci ma gratuite consulenze da parte della grafica Valeria Chiomento e della fotografa Martina Bizzotto per ottimizzare la propria immagine professionale. Saranno presenti un angolo creativo, una postazione Acta e un angolo libreria, gestito da Il Gufo di Thiene, con pubblicazioni sui temi del convegno. Al termine ci sarà un momento di networking con aperitivo a buffet.
L’evento è a ingresso gratuito, con iscrizione obbligatoria a segreteria@cdmstudiolegale.it +39 0445 368033.

SCARICA LA LOCANDINA

Ufficio stampa Pasticceria Filippi:

Anna Sperotto
Martina Lucchin

VAJA: IL CAVATAPPI SOLIDALE DI AIS VENETO PER LE FORESTE DELLE DOLOMITI

VAJA: IL CAVATAPPI SOLIDALE DI AIS VENETO PER LE FORESTE DELLE DOLOMITI

Realizzato dalla Farfalli di Maniago su progetto di Claudio Burato, sarà il cavatappi ufficiale del 53° Congresso Nazionale. Il ricavato servirà a sostenere le aree danneggiate dalla tempesta Vaia

 

Il 53° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana Sommelier sarà all’insegna della sostenibilità e della solidarietà. AIS Veneto, impegnata nell’organizzazione dell’evento che dal 22 al 24 novembre 2019 coinvolgerà tutta la città di Verona, ha presentato Vaja, il cavatappi e gadget ufficiale del Congresso. Il ricavato delle vendite servirà a sostenere opere di recupero delle aree delle Dolomiti venete, sfregiate lo scorso autunno dall’omonima tempesta Vaia.

L’innovativo apribottiglie è stato progettato da Claudio Burato, chef dell’Hosteria del Durello di Montecchia di Crosara (Verona), che da anni è impegnato nella progettazione di nuovi strumenti utili a ristoratori e sommelier. Vaja si caratterizza per il particolare meccanismo mono leva che permette di estrarre il tappo in un unico movimento e senza alcuna difficoltà.

“Il cavatappi Vaja – ha commentato il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia durante la conferenza stampa di presentazione – non è solamente il gadget ufficiale del 53° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana Sommelier, ma un bellissimo gesto di solidarietà verso i territori veneti colpiti dalla tempesta Vaia nell’ottobre 2018. Questo cavatappi ha un significato speciale: ricorderà a tutti i drammatici momenti che il Veneto ha passato, ma soprattutto la rinascita e i progetti avviati dalla Regione per recuperare i danni subiti.”

A dare vita al progetto sono state l’azienda Farfalli di Maniago (Udine), storica realtà che si è occupata della realizzazione del cavatappi in acciaio e delle finiture in legno d’ulivo, e la Okinawa Operations di Montagnana (Padova) per la produzione dell’astuccio in fibra di cellulosa proveniente da foreste certificate FSC®. All’interno della confezione sarà presente anche un chip che grazie alla tecnologia RFID fornirà tutte le informazioni relative alla produzione e all’iniziativa solidale sostenuta, direttamente da uno smartphone.

Vaja vuole essere il segno tangibile dei valori e dell’impegno su cui da oltre 50 anni si fonda la nostra associazione – spiega Marco Aldegheri, Presidente di AIS Veneto – La cura e la dedizione che un piccolo gesto come l’apertura di una bottiglia racchiude in sé, si unisce alla passione per il mondo del vino, alla sua terra e al suo rispetto. Ci auguriamo che Vaja arrivi al cuore e nelle mani di tante persone anche al di fuori della nostra associazione, per diventare sinonimo non più di distruzione, ma di serenità e convivialità.”

In occasione del 53° Congresso Nazionale AIS in programma dal 22 al 24 novembre a Verona e nelle settimane precedenti il cavatappi Vaja si potrà prenotare sul sito solidale.aisveneto.it al prezzo promozionale di €45 e ritirare al Congresso. Successivamente si potrà acquistare al prezzo di €50 direttamente sull’ecommerce di AIS Italia (www.ais-store.it).

 

Ufficio stampa:
Carlotta Faccio
Davide Cocco

CONSORZIO GARDA DOC: AL MERANO WINE FESTIVAL LA PRESENTAZIONE UFFICIALE DI #GARDAMI

CONSORZIO GARDA DOC: AL MERANO WINE FESTIVAL LA PRESENTAZIONE UFFICIALE DI #GARDAMI

Il Consorzio Garda DOC e Ramazzotti sanciscono la nuova collaborazione. Dall’8 al 12 novembre il pubblico potrà assaggiare il loro cocktail davanti al Kurhaus

 

L’edizione 2019 del Merano Wine Festival, in programma dall’8 al 12 novembre 2019, sancisce ufficialmente l’inizio della collaborazione tra il Consorzio di tutela Garda DOC e Ramazzotti. Se il 2018 segnò il debutto del Consorzio al Festival altoatesino, la presenza di quest’anno diventa un’occasione chiave per raccontare un nuovo capitolo strategico di Garda DOC, il cui obiettivo è promuovere e valorizzare lo Spumante e le eccellenze del territorio gardesano attraverso la partecipazione e la creazione di esperienze ed eventi esclusivi. Durante i quattro giorni il pubblico potrà degustare il nuovo cocktail #Gardami, simbolo del neonato sodalizio che unisce le bollicine del Garda e l’iconico Amaro.

Alle 15.00 di venerdì 8 novembre, nell’esclusivo stand Garda DOC di fronte al red carpet, si terrà la presentazione ufficiale di #Gardami, con vista sul Kurhaus, storica struttura in stile Liberty sede principale del Merano Wine Festival.

Il cocktail è a base di Garda DOC Spumante, Amaro Ramazzotti e Aperitivo Rosato Ramazzotti, il cui carattere mediterraneo è esaltato dallo zest di limone e dal cappero. Una miscela di equilibri e contrasti che evoca il clima e la vegetazione del Lago di Garda, meta turistica rinomata e bacino di eccellenze enogastronomiche. A preparare il cocktail ci sarà Alejandro Daniel Mazza, Sommelier e Mixologist di origini argentine, Brand Ambassador Ramazzotti nel mondo.

La giornata di venerdì 8 prevede anche altre occasioni all’insegna dei sapori : alle ore 10.00 si inizia con Panettone Time, una degustazione di rosé Garda DOC in abbinamento a una selezione di panettoni Loison. Si prosegue alle 12.30 con Tartufo and Friends, durante il quale proposte gourmet elaborate da Elite Tartufi saranno proposte con il cocktail #Gardami e altre bollicine consortili. Dalle 19.00 alle 20.00 l’evento di chiusura della giornata: Aperitivo Time con dj set a base di #Gardami e diverse etichette di Spumante Garda DOC in abbinamento a una selezione di Piave DOP.

Durante i quattro giorni di Merano Wine Festival, lo stand del Consorzio sarà allestito in modo da poter accogliere gli ospiti e offrire loro un angolo salotto dove degustare, essere accolti e incontrare il Consorzio e le aziende produttrici. Oltre a #Gardami, in mescita ci saranno le bottiglie di Spumante Garda DOC di alcuni soci e la bottiglia istituzionale.

 

Ufficio Stampa:

Giulia Tirapelle
Alessandra Zambonin


Pubblicità su questo blog
iCru
Direttore responsabile: Michele Bertuzzo
In redazione: Davide Cocco, Anna Sperotto, Giada Azzolin, Carlotta Faccio, Chiara Brunato, Marco Zanella, Irene Graziotto, Marta Xerra, Elena Scarso, Micaela Tussetto

CRU STUDIO ASSOCIATO

Viale Verona, 98
36100 Vicenza, Italia

Tel +39 0444 042110
Cell / Whatsapp +39 393 8168013

NEWSLETTER

Per rimanere sempre aggiornato sul mondo Cru puoi iscriverti alla nostra newsletter, assolutamente aperiodica.
Per farlo clicca qui

Scrivici
Loading...