+39 0444 042110 info@studiocru.it

Breganze in fibrillazione per la prima “Vespaiolona”, la notte bianca del Vespaiolo in programma per sabato 21 giugno.
L’idea – brillante, non c’è che dire – è del consorzio vini DOC Breganze che
ha convinto i produttori a tenere le saracinesche alzate fino
alle due del mattino per accogliere gli enoturisti che saranno accompagnati in tour da un bus navetta-salva patente.

La Cantina Beato Bartolomeo – di cui Studio Cru cura l’ufficio stampa – sarà protagonista dell’evento con una serata dedicata al più celebre connubio eno-gastronomico vicentino: Vespaiolo e Baccalà. Di viaggi nei pescosi mari del nord, da dove arriva il baccalà, parla lo spettacolo del gruppo veneziano Nosse Balenghe che sarà proposto a partire dalle ore 22.30. Si intitola “Il vento dei Fiordi” e porta in scena tre viaggi sulla rotta del baccalà: quello storico di Pietro Querini che nel 1431 naufragò sulla costa norvegese; quello di Raffaele Gatti, pioniere ciclista milanese che alla fine dell’Ottocento raggiunse il Circolo Polare Artico in bicicletta e quello di Alberto Fiorin e di altri sette ciclisti che lo scorso anno hanno fatto sintesi dei due precedenti raggiungendo in bicicletta le isole Lofoten e Capo Nord per un gemellaggio nel nome del baccalà.

Attraverso le pagine dei diari, i tre viaggi paralleli diventano un racconto unico nel quale le voci si intrecciano seguendo la direzione della bussola che indica ilnord. I Nosse Balenghe (Valeria Conte al clarinetto e voce; Veronica Canale alla fisarmonica; Guido Rigatti a violoncello, chitarre, percussioni, pennyflute e voce recitante; Stefano Vanzin alle percussioni) accompagnano la narrazione con la loro musica, nella quale si sentono echi di feste popolari, citazioni multietniche e danze popolari.

Allo spettacolo seguirà la degustazione di Bacalà alla vicentina e Vespaiolo della selezione speciale “Sulla Rotta del Bacalà”: una nuova versione realizzata dalla Cantina Beato Bartolomeo coniugando un bouquet di profumi particolarmente ricco ad una spiccata freschezza, caratteristica che lo rende particolarmente adatto ad accompagnare un piatto succulento come il Baccalà.

Domenica 22 giugno dalle ore 17 spazio alla II° edizione del Palio delle Botti: una spettacolare gara di spinta di barriques tra le vie del centro, disfida fra equipaggi delle diverse cantine. Nell’edizione del 2007, a trionfare è stata l’azienda agricola Ca’ Biasi di Innocente Dalla Valle. La manifestazione si concluderà con un brindisi da primato a base di uno dei vini simbolo della Pedemontana vicentina: il Vespaiolo.

Scrivici
Loading...